Archivi tag: weekend formativi

Esploratori di nuvole: spazi di scoperta tra mare e boschi per bambini delle elementari

Presento qui un mio progetto ospitato dal casolare agriturismo Alberelli di Nibbiaia (Livorno). Si tratta di un insolito week-end di scoperte destinato a bambine e bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni (scuola elementare o primaria che dir si voglia).  Qui la presentazione PDF dettagliata di Esploratori di nuvole

esploratori1

Qui, in sintesi, l’idea: Una volta c’era il bosco, come paesaggio esemplare in cui bambine e bambini potevano scoprire tesori ma dovevano imparare a non perdersi. Oggi ci sono i paesaggi disegnati dall’evoluzione delle culture e delle tecnologie, le reti di comunicazione e l’infosfera con i suoi oceani e le sue “nuvole” di dati.
Cambiato lo scenario, ciò che resta decisivo è apprendere a integrare concettualmente i segni e le tracce rilevanti, selezionando ed escludendo, osservando e immaginando, esercitando insieme il senso della realtà e quello della possibilità in modo da scoprire e saper condividere informazioni sensate ed esperienze significative. Sono queste le abilità che eserciteremo durante l’avventuroso week-end agli Alberelli, scoprendo e risolvendo enigmi con menti, mani, corpi e tastiere di computer. In un mix unico, pensato per favorire l’apprendimento che può derivare dall’azione e dalla ricerca, dall’uscita dai contesti e dalle routine abituali, dal confronto e dall’utilizzo di codici e linguaggi differenti.

esploratori2

Antropotecnica tra classici indiani e cinesi e scienze della mente contemporanee

Quarto weekend formativo dedicato allo yoga inedito presso il casolare Alberelli con Federico Squarcini (docente di Forme dei rapporti tra Oriente e Occidente e Letteratura sanscrita presso Università Ca’ Foscari di Venezia) e Gianni Pellegrini (docente di Filosofie e religioni dell’India e dell’Asia Centrale e di Lingua e letteratura sanscrita presso l’Università di Torino).

Si discute sui dispositivi antropotecnici contenuti in antichi testi sanscriti e su possibili correlazioni con il pensiero greco classico e il dibattito contemporaneo nelle scienze della mente su: teorie dell’errore e della conoscenza; rapporti di dipendenza e interferenza tra moti sensoriali e moti mentali/plessi cognitivi (citta); ritrazioni (pratyahara) e proiezioni; congruenza (anukara) tra moti mentali e moti sensoriali; condizioni e limiti nel concentrare la mente in un locus solo (dharana); vincoli e possibilità al “totale controllo congiunto” (samyama); la peculiare nozione di conoscenza/vista espressa col termine sanscrito dhyana.

Continua a leggere